Come scegliere i piatti per la batteria

Come scegliere i piatti per la batteria

La batteria è uno dei principali strumenti di una band che si rispetti. Senza di lei la maggior parte delle canzoni perderebbero di significato, apparendo tutte uguali, senza ritmo ed energia.

Tra i tanti componenti che costituiscono la batteria sicuramente la scelta dei piatti è quella più importante. Ne esistono di così tante dimensioni, forme e materiali da permettere ad ogni batterista di trovare quello più adatto.

Vediamo subito quali sono gli elementi da considerare per la tua scelta!

La scelta dei piatti per la batteria

Prima di cadere in un acquisto scriteriato dei piatti per la tua batteria ti consigliamo di comprendere quali sono le caratteristiche principali che li contraddistinguono:

  • La forma, ovvero la curvatura dei piatti che va a determinare la tonalità: più la curva è piatta, più basso sarà il suono.
  • Il peso, che influenza il modo di suonare. Infatti più i piatti saranno pesanti e più tempo impiegheranno a rispondere al tocco. Inoltre il peso incide sul tono complessivo: se vuoi ottenere un suono acuto devi usare piatti più pesanti.
  • La dimensione: da cui dipende la velocità di risposta e smorzamento, oltre al volume dei piatti: più sono grandi maggiore sarà il volume del suono.

Queste sono le caratteristiche che determinano il suono, il volume e la velocità di vibrazione dei piatti. In base a questo, possiamo dirti che i pezzi che non possono mancare alla tua batteria sono:

  • Un piatto Ride,  pesante per riuscire a sostenere il ritmo
  • Un piatto Crash, più leggero, per rendere più evidenti i passaggi particolari
  • piatti da Charleston,  che danno quel suono chip che non può mancare.

E se davvero non vuoi farti mancare nulla, allora devi provvedere ad acquistare un gong, in questo modo avrei completato la gamma sonora della tua batteria.

Vedrai, la scelta dei piatti per la batteria sarà emozionante quanto lo è stato scegliere le bacchette per suonarla.

Guida all’acquisto: consigli pratici

Se possiedi già alcuni piatti per la tua batteria ti consigliamo ti tenerne conto durante l’acquisto di nuovi pezzi. Non vorrai rischiare di confonderti e comprare due piatti identici?

Un buon metodo per procedere nella scelta, soprattutto se sei alle prime armi, è quello di acquistare set di piatti già composti. In questo modo avrai la possibilità di familiarizzare con forme, pesi e dimensioni diverse e capire quali sono i piatti che rispecchiano la tua personalità. In un secondo momento ti potrai concentrare sulla scelta di piatti specifici e con particolari caratteristiche, divertendoti a comporre tu stesso un set che ti caratterizza.

Ecco le nostre proposte.

Per iniziare potresti provare il set 1 della Yuwin.

YUCSET1 C-Set 1 - YUWIN
YUWIN – YUCSET1 C-Set 1

Composto da un piatto Hi Hat 14″, un piatto Crash 18″ e una pratica borsa in cui riporli. Si tratta di piatti professionali, prodotti con materiale di qualità che resiste nel tempo. Il suono e le tonalità che riproducono sono apprezzati dalla maggioranza dei batteristi.

YUCSET2 C-Set 2 - YUWIN
YUWIN – YUCSET2 C-Set 2

Il set 2 della Yuwin si differenzia per completezza e diversità del suono. È composto da un piatto Hi Hat 14″, un piatto Crash 16″, un piatto Ride 20″ e dalla comoda borsa.  Come avrai notato, oltre all’indispensabile piatto Ride, il set comprende un piatto Crash più leggero, che si rivelerà più pratico da utilizzare.

Ora che sei pronto a scegliere i piatti per la tua batteria cosa aspetti a visitare il nostro catalogo online? Lo sappiamo che sei curioso di scoprire tutti i sound che abbiamo da proporti… vieni a trovarci! 😉

Come scegliere i piatti per la batteria ultima modifica: 2016-08-31T09:00:31+00:00 da Francesca
Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *