Amplificatore

Amplificatore Yamaha VS Roland: quale scegliere?

L’amplificatore è quell’accessorio che non può mancare nella strumentazione di ogni musicista. Tuttavia, è sempre molto difficile scegliere quello della marca migliore: il mercato offre così tante possibilità, qual è il migliore?

Per aiutarti, oggi facciamo un confronto tra gli amplificatori della Yamaha e della Roland cercando di comprendere quale possa essere quello migliore. Vediamo subito quali sono le caratteristiche tecniche e pratiche da tenere in considerazione!

Amplificatori Roland: compatti e potenti

I tempi cambiano, ma i bisogno del musicista sono sempre di stessi, soprattutto quando si parla di amplificatori. Per esempio, in questo caso l’obiettivo è sempre quello di amplificare il suono dello strumento, senza rovinare il suo sound originale, trovare una soluzione versatile, semplice da utilizzare e, perché no, che abbia anche un prezzo conveniente.

Sembra una sfida impossibile, vero? Fortunatamente non è così: esistono molte marche che rispondono a queste esigenze. Tra questa la Roland e la Yamaha. Basta solo capire qual è il modello più adatto alle proprie esigenze!

Per esempio, gli amplificatori Roland sono realizzati pensando proprio alle esigenze degli artisti che ricercano un prodotto di qualità a prezzi contenuti.

E questo può sembrarti già un gran bel vantaggio. A questo puoi aggiungere che, nella linea combo, gli amplificatori Roland sono estremamente facili da utilizzare, grazie ad un’interfaccia tradizionale e semplice da usare. In particolare nella versione Roland Cube per chitarra, non ci sono settaggi complicati e non si rende necessario l’ausilio del PC per modificare il suono. È possibile gestire tutto dalle manopole collocate al di sopra del dispositivo, che in poche e semplici mosse, consentono un risultato professionale.

CUBE 40GX - ROLAND
CUBE 40GX – ROLAND

Gli amplificatori Roland sono rinomati anche per le loro forme compatte e solide. Quindi il minimo ingombro e il rivestimento robusto li rendono resistenti agli eventuali urti, tipici durante il trasporto da un luogo ad un altro.

Un modello davvero singolare è l’amplificatore Roland Microcube. Le sue dimensioni ridotte fanno dubitare della sua potenza, e invece si dimostra più efficiente di modelli grandi e grossi. Una cosa è sicura, gli spostamenti con questo modello saranno davvero agevoli.

Ricapitolando dunque, gli amplificatori Roland si distinguono per:

  • Semplicità di utilizzo, grazie alle comode manopole che permettono di gestire il suono direttamente dall’amplificatore senza usare PC o altre piattaforme. È sufficiente collegare lo strumento, regolare il volume in tutte le sue caratteristiche e il gioco è fatto!
  • Forme compatte, che permettono di poterli trasportante in ogni luogo senza alcun problema. Inoltre, anche quando si cerca un amplificatore da studio Roland, non è difficile trovare  modelli di dimensioni ridotte ideali anche per uso professionale. Non vorrai inserire nello studio un amplificatore più grande di tutta la strumentazione messa insieme?
  • Qualità dei materiali e solidità che fanno degli amplificatori Roland tra i più resistenti presenti in commercio. Caratteristica da non sottovalutare visto che, la maggior parte degli artisti in cerca dell’amplificatore ideale mettono al primo posto proprio la capacità di resistere agli urti. Quindi plastica resistente e griglie metalliche che proteggono il cono da cui uscirà il suono.

Ma non pensare che anche la Yamaha non faccia venire l’acquolina a qualunque musicista: offre modelli spettacolari!

Amplificatori Yamaha: qualità e tradizione

Passiamo ora agli amplificatori Yamaha. Senza dubbio si tratta di una marca di qualità, conosciuta per la vasta linea di prodotti che da generazioni accompagnano artisti di fama mondiale. In generale i modelli di amplificatori proposti dalla Yamaha hanno prezzi superiori rispetto ad altre marche. Si tratta di una firma importante che si rivolge a un mercato differente rispetto alla Roland, più esigente e disposto a spendere.

Nonostante ciò, anche in questo caso non è così difficile trovare modelli a costi contenuti che riescono a concentrare tutte le qualità di un buon amplificatore, in forme compatte e maneggevoli. È il caso ad esempio dell’amplificatore Yamaha THR5A, un esempio preso dal nostro shop online che dimostra come, anche le grandi firme, pensano agli artisti che pretendono tanto a costi contenuti. Questo modello incontra pareri favorevoli da molti clienti, per questo abbiamo pensato di consigliartelo. Ottimizzato per chitarre elettrico-acustiche e silent, offre simulazioni perfette di microfoni classici e dinamici, con sonorità simili a quelle degli studi di registrazione.

THR5A - YAMAHA
THR5A – YAMAHA

Gli amplificatori Yamaha si distinguono per:

  • Quantità di effetti che è possibile ottenere in aggiunta al suono originale. Perchè è vero che sono semplici da usare, ma allo stesso tempo, tra le tante manopole e i numerosi tasti presenti sul dispositivo, è possibile ottenere effetti armonici di alta qualità.
  • Qualità del suono, che in altri casi è possibile raggiungere solo negli studi di registrazione professionali e quindi ben attrezzati. Chiaro, limpido, armonico e deciso che, in aggiunta agli effetti sopra citati, rendono il risultato finale perfetto.
  • Ambienti di utilizzo, che li rendono perfetti non solo a casa e in studio, ma anche nei palcoscenici più grandi e nelle sale piene di gente. Insomma, non esiste situazione che impaurisce gli amplificatori Yamaha!

Come avrai capito, la differenza tra l’amplificatore Roland e Yamaha è veramente sottile. In generale l’elemento chiave, che determina la scelta tra i due è data dal gusto personale e dalle tue esigenze.

Ti abbiamo consigliato quelli preferiti dai nostri clienti appassionati di musica. Cosa aspetti a dirci qual è il tuo preferito? Se invece vuoi scoprire gli amplificatori combo presenti nel nostro shop online, non ti resta che visitare subito la pagina!

Amplificatore Yamaha VS Roland: quale scegliere? ultima modifica: 2016-10-19T09:00:59+00:00 da Francesca
Condividi questo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *